FOOD DESIGN LAB -- WORKSHOP PERUGIA

16/22 MARZO 2015

Expo 2015...si parte!

Giovani designer progettano in Umbria

“Foodesignlab”

 

A Perugia, dal 16 al 22 marzo, un team di docenti e giovani designer di tutto il mondo sarà chiamato a valorizzare le filiere produttive umbre in vista dell'Expo 2015.

“Per la regione una concreta occasione di crescita economica”

 

Cibo e design, patrimonio italiano di eccellenza, legati indissolubilmente e reinterpretati in chiave di sviluppo economico della regione.

Questo il tema del progetto Foodesignlab che si svolgerà a Perugia da lunedì 16 a domenica 22 marzo e che vedrà coinvolti alcuni tra i più promettenti designer provenienti da varie parti del mondo, chiamati, per la prima volta, a valorizzare le filiere produttive della nostra regione.

L'iniziativa è stata promossa congiuntamente dall'Associazione per il Disegno Industriale (ADI) e dal Centro Estero Umbria (in accordo con la Regione Umbria e con la partecipazione dell'Università dei Sapori). Rappresenta un approccio innovativo ai contenuti ed alle attività che si realizzeranno durante l'Expo 2015 (Milano, 1 maggio - 31 ottobre).

I lavori del workshop si svolgeranno in differenti luoghi della città, tra cui l'Accademia delle Belle Arti e nel nuovissimo spazio dove verrà realizzato Umbrò, in via Oberdan.

Gli oltre venti designer - selezionati tra Accademie, Scuole e Università italiane e internazionali – metteranno in comune le loro competenze multidisciplinari in Industrial Design, Interior Design, Communication Design, Web Design per progettare la presenza dell' Umbria a Milano durante i sei mesi di Expo e le azioni che verranno realizzate in collaborazione con l'ADI.

Ponendo il cibo al centro dello scambio culturale, l’obiettivo del workshop è quello di promuovere nuovi servizi, processi e prodotti per incoraggiare approcci costruttivi tra aziende del territorio e designer, favorendone così la consapevolezza che Food Design significa produrre soluzioni efficaci per la fruibilità̀ del cibo in precisi contesti e situazioni.

Il Concept e l’Art Direction sono di Francesco Subioli e Marco Pietrosante supportati da Mauro Olivieri, docente e noto esperto della materia, mentre i Tutor saranno Karolin Larsson e Sara Costantini. Durante il Workshop sono previsti interventi di Marco Tortoioli, Paul Robb, Francesco Paretti, e di alcuni chef dell'Università dei Sapori.

Il Foodesignlab e l'Expo

Questa collaborazione – una seconda tappa è comunque prevista a Milano - prenderà forma concreta durante l'Expo 2015.

A Milano sarà creato un Food Design Lab e un Temporary Restaurant (curato dall'Università dei Sapori) , di 350 metri quadri, curato anche dai giovani designer protagonisti dei workshop tematici. La struttura sarà ricavata all'interno di un'area industriale in disuso di oltre 1000 metri quadri nel centro di Milano.

In questo spazio sorgerà successivamente il Museo del Design che a partire dal 2016 ospiterà il museo del Compasso d'Oro.

Durante l'Expo questo luogo diventerà uno dei principali centri di attività della Regione Umbria a Milano, lo spazio sarà alimentato da eventi realizzati in collaborazione con imprese e istituzioni, attività formative e laboratori sempre pertinenti alle tematiche dell'Expo 2015.

Un costante collegamento tra Expo, aziende e Università, garantirà collaborazioni congiunte.

ADI si impegnerà a diffondere il Food Manifesto Design come veicolo fondante della filosofia del Food Design in tutto il mondo.

Durante la manifestazione all'interno del futuro Museo del Design saranno realizzati:

- un’area dedicata alla preparazione dei cibi e ristorazione in collaborazione con Università dei Sapori -- www.universitadeisapori.it;

- un’area in cui verranno realizzati i Laboratori di Food Design;

- un’area accoglienza per la presentazione/degustazione di prodotti realizzati sul posto (come finger food, vini, gelati, birre artigianali etc.);

- un'installazione di gigantografie e di immagini di Steve McCurry, 5/6 scatti, dedicati al cibo e al loro territorio di appartenenza.

 

Gli obiettivi del progetto

L'idea di legare food e design in un unico progetto nel campo alimentare nasce dalla consapevolezza che l’Umbria, con le sue peculiarità, rappresenta un territorio privilegiato per sperimentare, proprio attraverso il design, azioni di riqualificazione delle filiere produttive legate alle produzioni, elaborazione e consumo di cibo.

La collaborazione con l'ADI, durante l'Expo di Milano, diventa quindi un'occasione importante per costruire relazioni internazionali, valorizzare il territorio e le produzioni artigianali.

Tra gli obiettivi dell'iniziativa:

- creare corsi di formazioni in Umbria legati al Food Design;

- realizzare una vetrina delle imprese di vari settori produttivi umbri;

- far conoscere le aziende a livello internazionale;

- contribuire a rafforzare l’immagine dell’Umbria all’estero, promuovendo un innovativo format: Casa Umbria Food.

Si collaborerà, inoltre, con tre piattaforme e-commerce dedicate ai prodotti agroalimentari che operano in Germania, Stati Uniti e Cina, dove verranno presentate le imprese che avranno così un’ulteriore occasione per diffondere i loro prodotti.

“Questa manifestazione sarà una straordinaria opportunità di crescita per tutta la regione – spiega Massimiliano Tremiterra, direttore del Centro Estero Umbria – . La valorizzazione del comparto alimentare sarà il volano anche per lo sviluppo di altri settori. Penso a quello della meccanica, legato alle tecnologie ed alle attrezzature per le lavorazioni alimentari ed agricole, al settore del packaging e agli straordinari servizi di accoglienza e formazione che offre la nostra regione.”