Banca d'Italia - Economie regionali

La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali dell’economia italiana. La serie comprende i rapporti annuali e gli aggiornamenti congiunturali sull’andamento dell’economia nelle regioni italiane.

Per l’economia umbra i segnali di ripresa che erano emersi alla fine del 2010 si sono progressivamente affievoliti nel corso dell’anno. Nell’industria, al recupero degli ordini e della produzione nel primo semestre del 2011 ha fatto seguito un marcato rallentamento nei mesi
successivi. Le prospettive appaiono improntate a una elevata incertezza; i piani degli imprenditori per i prossimi mesi hanno risentito in misura significativa delle recenti turbolenze dei mercati finanziari. In presenza di una capacità produttiva ancora sottoutilizzata, gli investimenti hanno ristagnato e il contenuto recupero dell’occupazione è stato circoscritto ai contratti di lavoro a tempo determinato. Si sono aggravate le difficoltà nell’edilizia, soprattutto nel comparto residenziale. Nei servizi, il commercio ha risentito dell’andamento negativo della distribuzione tradizionale; i flussi turistici, pur restando inferiori ai livelli precedenti la crisi, sono aumentati. L’espansione dei prestiti è stata rallentata dall’andamento dei finanziamenti alle famiglie, soprattutto da parte dei primi cinque gruppi bancari nazionali.
In presenza di una domanda ancora debole e finalizzata prevalentemente alla ristrutturazione delle posizioni in essere, le banche hanno reso più selettive le condizioni di accesso al credito, intervenendo soprattutto sui costi. Si è accentuato il deterioramento della qualità del credito, in particolare al comparto produttivo. È proseguito il calo dei depositi bancari delle famiglie.


Partners

Legal   /   Credits   /   Privacy © 2014 Centro Estero Umbria - Partita IVA 02156340545 - C.F. 80009430549